Dal candidato governatore grillino solo approssimazione e qualunquismo

"Nota dei consiglieri regionali Antonio Bochicchio, Luca Braia, Carmine Miranda Castelgrande, Roberto Cifarelli, Paolo Galante, Vito Giuzio, Franco Mollica, Aurelio Pace, Francesco Pietrantuono, Mario Polese, Vincenzo Robortella, Giuseppe Soranno, Achille Spada in risposta al candidato del m5s alla presidenza della Regione Antonio Mattia"

Se non fosse che parla il candidato alla presidenza della Regione Basilicata ci sarebbe quasi da aver tenerezza di Antonio Mattia. Dispiace leggere tanto qualunquismo e tanta superficialità tutta insieme in poche frase da parte di chi si candida a governare la Basilicata. Mattia passa dagli slogan al giustizialismo più becero chiedendo al governatore Marcello Pittella di dimettersi e adducendo valutazioni tutte di carattere elettoralistico.

A Mattia ricordiamo che la richiesta di dimissioni al governatore è stata già discussa e votata in Consiglio regionale cioè nella massima espressione legislativa e politica della Basilicata. In quella sede dopo un dibattito acceso il Consiglio regionale ha respinto la richiesta di dimissioni decidendo di rispettare il principio garantista sancito dalla nostra Costituzione in cui tutti i cittadini italiani, nessuno esclusi, sono innocenti fino al terzo grado di giudizio.

Vogliamo poi dire a Mattia inoltre che il Consiglio regionale non è ostaggio di nulla e di nessuno. L’assemblea è stata eletta da decine di migliaia di elettori e sta concludendo la propria attività legislativa in piena autonomia e in piena legittimità politica così come per rispetto delle leggi. Il voto degli elettori va rispettato come va rispettato Marcello Pittella eletto da centinaia di migliaia di lucani e non da poche decine di elettori sui social.

Poi se il candidato governatore è preoccupato di non votare subito perché nel frattempo il Governo del cambiamento sta mostrando tutta l’inadeguatezza e tutta la pochezza della maggioranza e dei 5 stelle e che quindi con il passare delle settimane risulterà sempre più evidente che le bugie e gli slogan hanno le gambe corte non è un problema della democrazia e della politica lucana. La maggioranza da parte sua confida che i cittadini quando saranno chiamati alle urne per rinnovare l’amministrazione regionale sapranno ben valutare.

Mattia propone le dimissioni in blocco dell’intero consiglio, ma non spiega come mai i consiglieri del Movimento 5 Stelle non si siano dimessi il giorno dopo la notizia di quanto capitato al Presidente Pittella. Non si commenta poi il riferimento alla vicepresidente della Regione, assessore Franconi che essendo una ‘tecnica’ non dovrebbe governare. Ci chiediamo soltanto se Mattia è a conoscenza del fatto che il Governo pentastellato è guidato dal premier Conte che al netto degli slogan da campagna elettorale degli stessi grillini non è stato eletto ma nominato.

 

Piazza E. Gianturco, 4  - 85100 Potenza
Telefono 0971/52797 - Fax 0971/56403

www.basilicatapd.it

© 2018 Partito Democratico di Basilicata