Renzi: “Competenza contro cialtronaggine, serietà contro bugie, politica contro populismo. Anche questo è #Leopolda9”

Il Governo vuole distruggere l’economia italiana. Dobbiamo fermarli ripartendo dai comitati civici ‘Ritorno al futuro’
“Non ho più parole per dire quanto la #Leopolda9 mi abbia commosso, colpito, convinto. Grazie a chi c’era, di persona e in streaming. Grazie a chi ci crede, oggi più di ieri. Abbiamo un Governo che vuole distruggere l’economia italiana e i valori europei. Dobbiamo fermarli a partire dai comitati civici ‘Ritorno al futuro‘.

Inizia una strada nuova, facciamola insieme. Grazie alle migliaia di persone che condividono questo progetto”.

Così Matteo Renzi ha concluso la kermesse di due giorni svoltasi a Firenze, giunta alla nona edizione.

Renzi durante il suo intervento di chiusura ha voluto ricordare il lungo applauso che ha tributato Pier Carlo Padoan, nel corso della Leopolda9.

“Migliaia di persone si sono alzate in piedi per dire grazie a chi in questi anni ha aiutato il Paese a passare dalla recessione alla crescita. E questo è avvenuto proprio nelle ore in cui, per colpa dell’arroganza di questo Governo, l’Italia riceveva la bocciatura delle agenzie di Rating”.

 Salvini e Di Maio regalano pezzi di Italia alla speculazione internazionale
“Proprio quando al Governo ci sono quelli che ci hanno fatto declassare, proprio quando Salvini e Di Maio regalano pezzi di Italia alla speculazione internazionale è più facile riconoscere il valore di persone come Padoan. La competenza contro la cialtronaggine, la serietà contro le bugie, la politica contro il populismo. Anche questa è la #Leopolda9″.

 #Leopolda9: cinquanta tavoli che discutono per sul futuro di questo meraviglioso Paese
“La Leopolda non si spiega, si vive – aveva dichiarato Matteo Renzi dal palco aprendo i lavori -. E vivendola si incontrano persone diverse. Sindaci che curano la propria comunità, un professore che combatte l’ignoranza e difende i vaccini, uno scienziato che costruisce il futuro, giornaliste che difendono la libertà e lottano. Un uomo di spettacolo che sceglie di stare al gioco e alterna battute a riflessioni profonde, serie, sulla vita. Cinquanta tavoli che discutono per ore sul futuro di questo meraviglioso Paese. E centinaia di persone pronte a lanciare i comitati civici in ogni angolo dell’Italia”.

La Leopolda da nove anni è un miracolo, che ogni anno sorprende
“Mi scuso con le oltre mille persone rimaste fuori dai cancelli. Migliaia di persone dentro, migliaia di persone fuori: e meno male che ci considerano morti, altrimenti avremmo bloccato il viale e la tramvia. Non vi arrabbiate se anche domani troverete sui media retroscena che non hanno alcun legame con quello che abbiamo vissuto, gossip correntizio, ricostruzioni poco credibili: è che la Leopolda è difficile da spiegare anche per noi. Perché la verità è che i miracoli non si spiegano”.

“E la Leopolda, da nove anni, è un miracolo. Che ogni anno sorprende. E appassiona persone incredibili. Io posso solo dirvi grazie, anche stasera.
E aspettarvi qui domani per un finale che sarà un nuovo inizio”.

 

© 2018 Partito Democratico di Basilicata