Parte una sfida europea che sarà cruciale. Congresso subito contro il modello Orbàn. Claudio Cerasa il  30 agosto ha intervistato a Ravenna  Paolo Gentiloni alla Festa dell`Unità. Oggi su Il Foglio un estratto del colloquio.

Onorevole Gentiloni, la foto scattata a Milano qualche giorno fa che ha immortalato l`abbraccio tra Salvini e Orban è qualcosa di più di un semplice incrocio tra culture politiche simmetriche ma è il manifesto di un nuovo progetto politico. Cosa le fa paura di questo progetto e di quel possibile manifesto?

Le prossime elezioni europee saranno un confronto tra due visioni opposte dell`Europa e noi siamo consapevoli di essere dalla parte giusta. Una visione dell`Europa che non è una difesa di ciò che esiste perché per noi l`Ue deve cambiare e deve diventare più forte nel difendere quei principi di democrazia, di libertà, di stato sociale e di diritti che abbiamo costruito negli ultimi sessanta anni. Salvini e Orbàn quelle cose le vogliono distruggere, noi le vogliamo rendere più forti. Quindi da oggi parte simbolicamente una risposta a quella foto di Milano. Noi siamo qui per ribadire che la sinistra europea, pur con tutte le sue difficoltà, sarà presente e giocherà la sua partita nelle prossime elezioni europee. I nostri valori restano e si faranno sentire e saranno la risposta all`Europa che non ci piace.

C`è però un discorso di realismo da fare. La politica è come il mercato e al momento c`è una domanda anti europeista molto forte che va spiegata e va affrontata, giusta o sbagliata che sia. Come si fa a rendere l`Ue qualcosa di sexy, di attraente. E come si fa a farlo in soli nove mesi?

Bisogna fare due grandi operazioni. Una ha a che fare con la storia e la memoria. Non dobbiamo dimenticare che grazie all`Ue abbiamo conosciuto 60 anni di pace, qualcosa senza precedenti nella storia del nostro continente. Sessanta anni di diffusione di libertà e diritti. Il Portogallo, così come la Spagna e la Grecia, e così come per i Paesi del blocco sovietico, sono riusciti a trovare una piena libertà anche grazie all`Europa. L`Europa ha anche affermato lo stato sociale, il sistema di welfare. Non c`è in nessuna parte del mondo una realtà in cui la sanità pubblica e altri servizi sono garantiti dallo Stato. Di Orbàn non mi preoccupa solo la sua posizione sui migranti, ma anche la sua convinzione che si possa avere una democrazia senza valori liberali. Dunque, primo punto: non dobbiamo dimenticare la nostra storia. Il secondo obiettivo che dobbiamo avere sempre ben fissato in testo è quello di cambiarla davvero questa Europa. Non mi faccio chiudere in un meccanismo di semplice difesa dell`Ue, sarebbe un errore grave. Non possiamo presentarci in un confronto elettorale in cui noi difendiamo lo status quo. La contrapposizione non è tra chi dice che le cose nell`Ue vanno benissimo e chi le vuole cambiarle. La contrapposizione è tra chi questa Europa la vuole distruggere, perché il nazionalismo contro i vicini porta alla distruzione. La situazione attuale assomiglia tantissimo a delle cose terribili che sono accadute nel continente nel secolo scorso. Alcuni uomini di Stato oggi mi ricordano quei sonnambuli che nel 1913 non si resero conto il nazionalismo avrebbe prodotto una guerra. Questa è la loro idea di Europa. La nostra idea è di cambiarla questa Europa ed è anche della famiglia dei partiti socialisti e di Emmanuel Macron. Quante battaglie abbiamo fatto per completare l`unione monetaria, per introdurre un`assicurazione di disoccupazione nei momenti di crisi, un impegno vero per la crescita e gli investimenti? Da qui dobbiamo ripartire. Perché l`Europa insomma si salva solo se si rafforza, se rimane così corre il rischio di alimentare posizioni anti europee. Essere nostalgici nel mondo globalizzato non porta da nessuna parte. L`unico risultato che si ottiene è quello di alimentare tensioni, e si rischia anche di peggio. Quindi noi dobbiamo fare una campagna elettorale per avere un`Europa diversa, più vicina ai cittadini e più in grado di attrarre lavoro e investimenti. Un`Europa più forte non avrà diritto di cittadinanza per Salvini e per Orbàn e per chi la vuole distruggere. Non ci sono mai state delle elezioni europee così importanti come quelle che si svolgeranno l`anno prossimo.

Oggi per i progressisti europei Macron può rappresentare quello che ha rappresentato Obama negli ultimi anni? E la rupture di Macron con i partiti tradizionali è un modello da seguire o è un modello che non si può esportare? E la domanda vale per i partiti socialisti europei ma vale anche per il Pd.

Non farei paragoni tra Obama e Macron, sono realtà molto diverse. Trovo però imbarazzante l`atteggiamento che alcuni membri del governo hanno nei confronti del Presidente della Repubblica francese. Il nostro ministro dell`Interno ha definito Macron un “demagogo chiacchierone”. Si può fare di tutto in politica però
bisogna avere il senso della misura e bisogna mantenere dei buoni rapporti con i
vicini e con i potenziali alleati. Chi ci governa si riempie la bocca col problema della sicurezza ma rischia di incrinare la nostra sicurezza anziché rafforzarla. Un paese che moltiplica i suoi nemici nella propria zona di riferimento e che prende a pesci in faccia la Tunisia e parla male del presidente francese non è un paese più sicuro ma è un paese in cerca di guai. Quanto a Macron, non dico di mettere il suo ritratto dietro alla scrivania però l`Italia e la Francia hanno un legame storico e con Macron si può lavorare insieme. Su diversi temi europei i punti di contatto tra noi e lui sono molto seri. Non dobbiamo creare dei miti ma dire semplicemente che abbiamo degli interessi geopolitici in comune con i paesi del Mediterraneo come Francia, Spagna, Cipro, Grecia e Portogallo anziché fare delle alleanze con dei paesi che non hanno niente da offrire a noi. Che bella l`alleanza mediterranea, altroché. E poi tra le forze progressiste e Macron c`è un punto di contatto, c`è un terreno possibile di collaborazione e di alleanza. E noi di questa alleanza abbiamo bisogno se non vogliamo consegnare l`Europa a una destra che non credo abbia i numeri per diventare fondamentale ma potrebbe comunque condizionare le cose. Se non facciamo un fronte comune al di là della nostra famiglia democratica e socialista, io penso che facciamo un errore. Così possiamo vincere e possiamo impedire ai nazionalisti di avere un`influenza che non vogliamo.

Bisogna riconoscere però che i partiti tradizionali si avvicinano alle europee in condizioni non facili. Questo vale per i socialisti e vale anche per il mondo conservatore. I consensi sono diminuiti, in particolare per la sinistra, e oggi è davvero raro in giro per l`Europa trovare dei progressisti saldamente al governo. Se Gentiloni dovesse scegliere una parola per rappresentare l`identità dei progressisti, quale sceglierebbe?

Sceglierei la parola “libertà” però potrei dire “lavoro” o anche “pane e pace”. Non so se vi ricordate queste quattro parole. E` incredibile, dal mio punto di vista, quanto gli appuntamenti della storia in un certo senso ci stiano risbattendo in
faccia valori così fondamentali che noi avevamo considerato acquisiti per molti decenni. L`attualità in Europa di una battaglia per la libertà o per la pace o per il lavoro, e contro le diseguaglianze, era forse considerata un po` superata. Penso che
bisogna affrontare questi problemi naturalmente senza gli strumenti di venti o trenta anni fa ma guardando al futuro e quindi accettando le sfide delle nuove caratteristiche del lavoro e accettando la pace e le responsabilità che spettano all` Europa. Anche perché è la stessa politica dell`amministrazione americana attuale a dire all`Europa “pensateci voi” e addirittura riproponendo con forza il problema della libertà. Perché una delle caratteristiche più allarmanti del populismo nazionalista che circola oggi in Europa è questa tendenza a considerare il nesso tra democrazia e libertà come un`opzione. Non è la prima volta che a venire al pettine sono valori fondamentali come il lavoro, l`ingiustizia sociale. Ho letto su un giornale qualche giorno fa che l`amministratore delegato di una grande e brillantissima multinazionale ha ritirato la sua quota annuale di stock option di azioni. Sapete a quanto ammontava? Centoventi milioni di dollari, che è il bilancio di un Paese africano. Noi che siamo cresciuti con l`idea di John Kennedy per cui in fondo la crescita economica aiutava a sollevare tutte le barche, ci dobbiamo abituare purtroppo all`idea che negli ultimi dieci anni non è stata una crescita che ha favorito tutti. Ha favorito alcuni e li ha favoriti in un modo senza precedenti come quantità di ricchezza. Ma ha lasciato una parte delle nostre classi medie, anche in Paesi ricchi come l`Italia, in una condizione molto difficile. Quindi per le elezioni europee faremo una battaglia per discutere delle regole dei codici di Bruxelles perché abbiamo bisogno di un`Europa che ci aiuti a dare più lavoro, più libertà, più pace, più diritti e più Stato sociale.

Non possiamo a questo non parlare anche del tema dell`immigrazione e delle difficoltà che incontra in tutta Europa il mondo progressista nell`affrontare il tema. Oggi una grande sfida per i partiti anti populisti è provare a essere popolari senza essere populisti, cioè riuscire a raccogliere il maggior numero di voti possibile senza scendere sullo stesso terreno degli estremisti. Come si può trovare una terza via?

Io credo che abbiamo molti esempi in Europa di quello che bisogna fare. Il nostro governo ha mostrato quello che si poteva e che si deve fare, anche se ci è mancata una politica europea comune. Pensate che questa questione è insieme al lavoro la più importante all`interno di ciascun singolo paese europeo. Fino a due o tre anni fa l`Europa non aveva neanche uno straccio di politica comune. C`era una regola diventata famosissima, il Regolamento di Dublino, che era stato pensato per le persone che abbandonavano i regimi comunisti. Il Regolamento di Dublino nasce con l`idea di dare asilo ad alcune limitatissime persone che abbandonano quei regimi. Pensate quanto può essere adeguato ad un flusso di milioni di persone che vengono dall`Africa o scappano dalle guerre come accaduto per la Siria. Però, lasciatemi dire, penso che il nostro governo anche grazie alle ottime cose che
ha fatto il ministro Minniti abbia mostrato in che modo si può fare questo lavoro. Penso che anche la Germania lo abbia fatto prendendosi i suoi rischi. Voi ricorderete che a un certo punto nel 2015 la signora Merkel cambiò posizione nel giro di due o tre settimane. Ci fu una famosissima immagine televisiva nella quale parlando con una bambina palestinese Angela Merkel la fece piangere dicendole: “Non c`è posto per tutti quindi tu non puoi rimanere in Germania”, e la bambina si mise a piangere. Passarono due settimane e la signora Merkel pronunciò una frase che molti dicono gli sarà costata parecchio nella sua carriera politica. Disse: “Questo problema siamo in grado di gestirlo”, e aprì le frontiere ai richiedenti asilo. Io penso che noi questo problema siamo in grado di gestirlo e penso che il nostro governo lo abbia dimostrato. Però qualcuno vuole trasformare in emergenza ciò che non è un`emergenza. Mi ha colpito qualche giorno fa che un po` di giornali italiani hanno parlato di una riunione a Bruxelles – di un vertice addirittura – che si sarebbe tenuto su quella nave Diciotti che era trattenuta a Catania. Quella riunione era pensata sulle difficoltà migratorie in Spagna perché a partire da dicembre e gennaio di quest`anno gli sbarchi di migranti in Spagna sono stati molto più numerosi di quelli in Italia. Io non accetto l`idea di un governo che vuole trasformare in un`emergenza e in un fattore di paura e di tensione una
realtà che siamo riusciti a mettere sotto controllo. Lungi da me sottovalutare che c`è un contenuto simbolico nelle paure e nella preoccupazione che i flussi migratori provocano e quindi capita spesso in molti Paesi europei, come l`Ungheria e l`Inghilterra, che le zone nelle quali le posizioni anti immigrati hanno più forza sono paradossalmente le zone in cui ci sono meno immigrati. C`è molta più protesta contro l`immigrazione nella periferia inglese che a Londra dove il numero di immigrati è enorme, stiamo parlando di oltre un terzo della popolazione di quella grande e meravigliosa città. Quindi io so bene che il disagio, le paure e le preoccupazioni per la propria identità culturale e religiosa dobbiamo prenderle sul serio. Quando dico che la risposta abbiamo dimostrato di saperla dare, lo rivendico a testa alta e non sottovaluto i rischi e le paure. Penso che abbiamo dimostrato che si può gestire questo problema ma che dobbiamo continuare a lavorare sulle paure, sull`integrazione, sul dialogo tra differenze culturali e religiose. Penso che dobbiamo farlo insieme a livello europeo. Se qualcuno pensa che questo impegno e questa solidarietà la troverà nei paesi che dicono no all`immigrazione si sbaglia di grosso. Mi ha colpito quello che ho sentito qualche giorno fa dal simpatico primo ministro della Repubblica Ceca. E` venuto in visita dal primo ministro
italiano che a quanto ho capito gli ha chiesto simbolicamente: “Ma tu caro Babi almeno un migrante te lo prendi a Praga in Repubblica Ceca?”. Il primo ministro ceco ha risposto: “No non me ne prendo neanche uno”. Questi sono gli amici di Salvini ma non sono i nostri amici. Attenzione: ci sarà una scelta da campo da fare e noi abbiamo molto chiaro da che parte del campo staremo.

Lei dice che la sinistra è dalla parte del giusto, ma si è chiesto allora perché gli elettori alle ultime elezioni sono andati dalla parte sbagliata?

Se uno avesse una risposta facile a domande del genere gli darebbero il
premio Nobel. Possiamo dire qualcosa stasera ma ne parleremo penso a lungo nelle prossime settimane, magari anche in un congresso del Pd che sarebbe utile fare quanto prima. So che Maurizio Martina è d`accordo con me. La spiegazione più semplice è che viviamo in uno strano paese in cui credo che l`ultimo partito di governo che ha vinto le elezioni è stata la Democrazia cristiana una trentina d` anni fa. Nessun partito che è stato al governo ha mai vinto le elezioni in Italia. Oppure ce la potremmo cavare dicendo che siamo di fronte a una tendenza globale. Abbiamo visto quello che è successo negli Stati Uniti ma anche in altri paesi europei quindi siamo di fronte a una tendenza che non possiamo attribuire soltanto ai nostri errori. Penso anche che non possiamo solo accontentarci di queste spiegazioni, dobbiamo dirci francamente almeno un paio di cose. La prima è che dobbiamo essere più forti nel farci carico dei problemi della nostra comunità, non siamo stati sufficientemente in grado di farci carico del disagio, della paura, della rabbia contro le diseguaglianze e delle difficoltà che ha vissuto la nostra comunità. Ci siamo accontentati di rivendicare i risultati positivi che certamente c`erano stati nel prendere per i capelli il Paese che era sprofondato in una crisi drammatica. Però abbiamo un po` perso di vista la sofferenza e il disagio quindi il primo messaggio è tornare a lavorare sulle difficoltà e sui problemi dei nostri concittadini con determinazione e con costanza. Il secondo messaggio è essere uniti e crederci. Qualcuno dice: “Ma perché tu o tanti nel Pd dite che bisogna fare al più presto un congresso così vi rimettete a discutere e a litigare?”. Ma guardate che noi non abbiamo bisogno di un congresso per discutere e per litigare. Possiamo dare una dimostrazione meravigliosa di un primato mondiale di quanto siamo stati capaci di discutere e di litigare continuamente a prescindere dai congressi. Ho la presunzione di credere che tra le tante cose negative la sberla che abbiamo preso il quattro marzo scorso almeno questo ce lo può avere insegnato. Noi non solo possiamo ma dobbiamo fare un congresso senza nessuna paura che questo porti a un litigio. Da quel confronto usciremo più forti e di questa forza abbiamo bisogno. L`avete visto anche con i fatti di questi giorni: la reazione che c`è stata a quell`incontro di Milano di cui abbiamo parlato anche fin troppo stasera. Tanta gente è andata in piazza anche per protestare contro quell`ideale di un`Italia che non è più l`Italia ma diventa amica di paesi nemici dell`Europa. Quanta gente si è mossa, si è mobilitata. Dobbiamo affrontare le prove delle prossime settimane e dei prossimi mesi. L`orizzonte è quello di cui abbiamo parlato stasera: la sfida e la scelta di campo delle prossime elezioni europee. Ma non dobbiamo perdere tempo, non dobbiamo rinviare, non siamo neanche sicuri di quanto tenga la situazione piuttosto irresponsabile nella quale è andato via via sprofondando l`attuale governo. Io non faccio pronostici ma penso che noi, cari amici, dobbiamo essere pronti rapidamente, a testa alta e a schiena dritta con la forza del Partito democratico, dei suoi alleati e della parte migliore della società italiana. Dobbiamo essere pronti alle sfide che avremmo senza perdere tempo e subito con forza. Grazie a tutti perché oggi parte una sfida europea che ci vedrà tra i protagonisti.

 

“Dietrofront di Lega e Cinque Stelle sui #vaccini, battuta la loro visione oscurantista. Resta l’obbligo. Grazie alle tantissime famiglie che si sono battute come noi per il diritto alla salute dei bambini e per la scienza”. Lo scrive su twitter il segretario del Pd, Maurizio Martina.

“Ha vinto la ragione, ha vinto la scienza” scrive su twitter anche Graziano Delrio, capogruppo Pd alla Camera.

“Se alla Camera, come sembra, i relatori di maggioranza sul decreto Milleproroghe presenteranno un emendamento per tornare al testo originario, e dunque per confermare l’obbligo vaccinale come condizione per l’accesso dei bambini a scuola, noi non potremo che essere soddisfatti” spiega poi in una nota Marina Sereni, responsabile Diritto alla Salute della Segreteria nazionale del Pd.

“La salute dei più piccoli, la tutela dell’incolumità delle persone più deboli, la prevenzione di malattie gravi che possono essere debellate con un adeguato tasso di vaccinazioni sono obiettivi che dovrebbero unire la politica, non diventare terreno di scontro. In questi giorni abbiamo sentito i pareri di esperti e operatori, sia del mondo scientifico e sanitario sia del mondo della scuola, i quali hanno ribadito l’importanza di dare attuazione alla legge Lorenzin. Ed è un bene che la maggioranza si dimostri disponibile ad ascoltare queste voci, espressione della società civile e delle competenze. È una vittoria – conclude Sereni – del buon senso, della razionalità, del bene comune.”

WALTER VERINI - Ph. Sara Minelli / Imagoeconomica

“I ministri dell`interno di solito devono spegnere i fuochi. Salvini è un incendiario. Un caimano con la felpa”. Intervista di Roberta D’Angelo a Walter Verini su Avvenire.

E’ positivo che lo scontro sia rientrato, ma si è trattato di un fatto molto molto grave,che ha avuto una serie di riflessi: la ferita rimane». WalterVerini, responsabile Giustizia del Pd, non nasconde la preoccupazione per il clima in cui è piombato il Paese dopo le esternazioni di Matteo Salvini sulla magistratura. Anche se si dice certo che l`Italia «abbia gli anticorpi».

Già in passato ci sono stati attacchi politici alla magistratura…
Stavolta il limite è stato ampiamente superato, e ad aggravare la situazione è stato che a pronunciare quelle frasi non era un uomo politico che parlava nella sede del suo partito, ma un ministro dell`Interno che dalViminale attaccava un potere autonomo dello Stato. Si è trattato di un notevole conflitto istituzionale. I ministri dell`interno di solito devono spegnere i fuochi. Salvini è un incendiario. Un caimano con la felpa.

Si è tornati ai tempi di Berlusconi?
Il riferimento al film era a Berlusconi, che era comunque in doppiopetto. Nel merito Salvini ha violato un cardine fondamentale della Costituzione: l`autonomia e l`indipendenza della magistratura.

Lei parla di più risvolti…
Si è lasciato prefigurare che la giustizia in Italia non è uguale per tutti. Ma, intanto, lo è. E poi in Italia, per fortuna, c`è l`obbligatorietà dell`azione penale. Ma come già per la richiesta dei 5stelle di impeachment a Mattarella, online molti si sono detti “complici” di Salvini. L`uso massiccio di aggressioni online rappresenta un tentativo di indebolimento delle strutture democratiche. L’aggressione in rete avviene con attacchi ai magistrati siciliani sul caso della Diciotti. Prima c`era stato l`attacco ai magistrati di Genova che si sono occupati dei 49 milioni spariti della Lega. Lì poi ci sono stati diversi gradi di giudizio, che dimostrano la solidità dell’ordinamento, eppure è partita la sfida ai magistrati, come se questi mirassero alla Lega politicamente e non stessero applicando la legge. Se poi si aggiunge che Salvini aderisce al club di Bannon e consolida la sua rete di rapporti con leader politici che nei propri Paesi restringono il potere della magistratura o degli organi parlamentari e mortificano la libertà di informazione…

Per evitare la confisca dei 49 milioni nascerà forse una “nuova” Lega.
Salvini fa come quelli che per sfuggire alla giustizia si fanno la plastica e cambiano i connotati. La Lega ha rubato i soldi degli italiani. E’ accaduto anche in altri casi. Accadde alla Margherita che si è costituita parte civile contro Lusi, cosa che non ha fatto la Lega contro Belsito.

Il consenso di Salvini, però, cresce.
È vero, i sondaggi sono chiari. È un fenomeno evidente che si inquadra in una crisi della democrazia in Europa. Salvini da anni inietta veleni pericolosissimi per la convivenza civile. Penso al tema dei migranti, a quello che si appresta a fare sul tema della sicurezza, della legittima difesa.

Basta il Pd a fare opposizione?
Il Pd fa opposizione, anche se si può pensare che non la faccia bene. Ma non penso che non ci sia una reazione nel Paese, penso che questa reazione non riesca a coagularsi. C`è stata la mobilitazione della scuola, della scienza a favore dei vaccini, degli imprenditori del Nord Est con il decreto dignità, contro una deputata 5s a Taranto: voglio dire che c`è tanta parte del Paese, intellettuali, mondo cattolico, del sociale, che ha voglia di reagire, ma al momento questa frammentazione di reazioni non trova una sintesi, anche politica.

Anche M5s ha reagito.
Io li vedo complici. Ma cercano di metterci una pezza.

Si sono intestati il pacchetto anticorruzione.
Fa parte del posizionamento 5s-Lega, che agitano le rispettive parti del contratto, ma anche quella grillina è propaganda. Intanto il daspo è una misura preventiva e questa è interdittiva, e si applicherebbe al termine di un giudicato. Poi la misura è incostituzionale, perché contrasta con l`articolo 27 della Costituzione.

Intervista di Fiorenza Sarzanini a Marco Minniti sul Corriere della sera

«L’Italia deve cambiare subito passo. Sottovalutare i rischi di quanto sta accadendo in Libia potrebbe avere conseguenze gravissime». Non usa mezzi termini l’ex ministro dell’Interno Marco Minniti per giudicare negativamente l’operato del governo Conte sullo scenario internazionale.

Quali sarebbero gli errori?
«In Libia si riflette in maniera acuta qualunque elemento di tensione internazionale. Per noi la stabilizzazione del Paese è fondamentale per il controllo dei flussi demografici, per fronteggiare il terrorismo e per continuare ad avere un dominio nel settore energetico. Finora l’Italia aveva avuto un ruolo da protagonista, tessendo la tela dei rapporti e coinvolgendo tutte le parti. Mi sembra che adesso non si stia seguendo affatto questa strada».

E che cosa si dovrebbe fare?
«Prima di tutto dobbiamo essere noi a gestire in maniera diretta questo momento di instabilità. È giusto che si chieda che sia garantito un percorso di sicurezza e trasparenza verso le elezioni. Ma questo non deve significare il superamento dell’orizzonte elettorale. Ma soprattutto, questo è l’aspetto fondamentale, l’Italia deve smettere di essere l’elemento divisivo dell’Europa».

Secondo lei basta questo a produrre risultati?
«Mettere gli Stati africani al centro dei rapporti con l’Unione europea si è rivelata una carta vincente. Noi eravamo riusciti a trasformare gli aiuti a quei Paesi in investimenti e su questo avevano avviato i negoziati coinvolgendo anche i capi tribù. Adesso si è invece deciso di riportare il conflitto sull’immigrazione dentro l’Europa per puro calcolo politico, pur non essendoci alcuna emergenza».

Che cosa vuol dire?
«Si usa l’immigrazione come punto di rottura. Siccome non si può rompere sull’euro perché in questa fase storica ci farebbe pagare un prezzo altissimo, si è deciso di usare un altro tema legato all’arrivo dei profughi».

Non vorrà dire che questo fomenta la guerra civile in Libia.
«Il governo attuale rivendica l’alleanza con quella parte di Stati che non vuole aiutare la Ue. Nelle scorse settimane, mentre si chiedeva collaborazione per la distribuzione dei migranti a bordo della Diciotti, il ministro dell’Interno Matteo Salvini incontrava il premier ungherese Viktor Orban e il presidente Giuseppe Conte riceveva quello ceco Andrej Babis. Vorrei ricordare che il gruppo di Visegrad è fuori quadro rispetto all’Africa. È sulla rotta balcanica e non a caso vuole confermare il contributo di tre miliardi alla Turchia».

Quindi lei non crede che anche la Francia abbia delle responsabilità?
«Io dico che in Libia si è creato un vuoto e come succede in questi casi c’è chi cerca di colmarlo. Non c’è un disegno internazionale, ma alcune milizie di fronte alla possibilità che si aprano vuoti cercano di colmarli. E l’obiettivo è il controllo della città di Tripoli».

Anche il suo governo ha avuto tensioni con Parigi.
«Nella ricerca di un punto di equilibrio nella trattativa tra Europa e Africa, Emmanuel Macron organizzò un vertice tra Sarraj e Haftar. Non posso nascondere che ci fu preoccupazione, ma noi abbiamo reagito in maniera concreta».

Come?
«Tenendo in piedi il negoziato con tutti. Subito dopo Parigi, il presidente Sarraj venne a Roma e chiese all’Italia di inviare una missione navale. Poco tempo dopo io sono andato da Haftar e ho avuto un incontro lungo e importante. Poi lui è venuto a Roma e subito dopo è volato a Parigi».

Basta coinvolgere tutti per pacificare il Paese?
«Voglio dire che era questo il punto di equilibrio e quanto accaduto dimostra che anche tra Paesi amici c’è rapporto di collaborazione e competizione. L’importante è gestirlo. La competizione deve essere virtuosa. Ora invece siamo in tensione anche con alleati storici come Spagna e Germania».

Anche voi avete subito resistenze sulla distribuzione dei migranti. Le ricollocazioni sono state un fallimento.
«Le abbiamo quadruplicate e poi abbiamo gestito gli arrivi. L’Italia deve essere come l’uomo ragno che tesse la rete e non come l’incredibile Hulk che spaventa la gente, perché tanto non si spaventa nessuno. La nostra storia ci pone come punto di comunicazione tra l’Ovest e l’Est. Ma non si può consentire che l’Italia passi a Est e diventi l’Ungheria del Mediterraneo».

Lei crede che dalla Libia possano riprendere le partenze?
«Questo rischio evidentemente esiste. Ma non è quello più grave. Io vorrei ricordare che fino a poco tempo fa la vecchia capitale era sotto il controllo dello Stato Islamico».

Vuol dire che più alto è il pericolo fondamentalista?
«La presenza dei foreign fighters è una realtà così come la loro volontà di arrivare in Europa. Credo che affrontare tutto questo sia un po’ più importante che pensare alla distribuzione di poche centinaia di profughi».

Intervista a Maurizio Martina di Maria Teresa Meli – Corriere della Sera


Comincia da un sospetto, Maurizio Martina: «L’ultima beffa di questo governo è persino l’insabbiamento della web tax da far pagare ai giganti della rete che vendono in Italia. Noi l’avevamo inserita nell’ultima legge di Stabilità, l’esecutivo dovrebbe fare il decreto attuativo ma non ce n’è traccia. Avrebbe un gettito di circa 200 milioni che potrebbero servire per costruire nuovi strumenti di tutela dei precari della Gig Economy di cui Luigi Di Maio ha tanto parlato per poi non fare nulla per loro».

A proposito di Di Maio, nel Pd molti vogliono il dialogo con i Cinque Stelle.

«Molti loro elettori sono in grande sofferenza per l’egemonia di Matteo Salvini sul governo e per l’inefficacia del M55. Io penso che noi dobbiamo riuscire a costruire con questi elettori un confronto anche perché tanti di loro arrivano dal centrosinistra».

Puntate su Fico?

«Io non penso che questo o quel dirigente nazionale dei M5S faccia chissà che cosa. A me è molto chiaro che la scelta che hanno fatto è stata quella di consegnarsi tutti mani e piedi a Salvini. Noi vogliamo invece ricostruire un rapporto con tanti cittadini che il 4 marzo hanno dato fiducia al M55 e che si sono pentiti».

Tornando al governo…

«Rischiamo una deriva sudamericana. Di Maio, Salvini e altri ministri, stando alle loro dichiarazioni, immaginano di essere in Venezuela più che in Italia. Lo spread è a 290. Sta salendo paurosamente. E quando sento Di Maio attaccare fantomatici mercati mi rendo conto che continuano solo a fare propaganda, e nel frattempo paga il Paese. L’aumento dello spread che si è gia consolidato in questi mesi costa agli italiani 4 miliardi di euro. E se guardo alle promesse che fanno i due vicepremier mi chiedo come stanno insieme il reddito di cittadinanza e la flat tax. Salvini vuole alleggerire il fisco per i più ricchi a danno dei giovani col debito pubblico. Di Maio vuole fare il reddito di cittadinanza bloccando gli 80 euro, la Naspi, la garanzia giovani e il reddito dì inclusione contro la povertà. Insomma, il gioco delle tre carte a somma negativa. Per di più si scopre che vogliono sperimentare il reddito di cittadinanza per un milione e 600 mila persone, quindi per una platea molto piccola, certamente più piccola di quella degli 80 euro che è di dieci milioni. È un’operazione clamorosamente dannosa per ceti medio bassi».

È preoccupato?

«Sì, l’Italia corre rischi enormi che non possiamo permetterci. Questo governo non ha una politica economica coerente. Ci sono almeno sei ricette economiche differenti: rischiano di presentarsi all’appuntamento cruciale di ottobre in ordine sparso. Il governo è allo sbando e l’Italia rischia l’osso del collo».

In tutto ciò il Pd che fa?

«Con la manifestazione del 29 settembre noi mettiamo a disposizione una piazza per dare voce ai tanti italiani che vogliono un’alternativa a questo governo. Sto ricevendo un sacco di messaggi di interesse anche da persone fuori dal Pd».

A quando il Congresso?

«Il Congresso, nei fatti, dal punto di vista progettuale è aperto. Abbiamo detto che faremo le primarie prima delle Europee e questo sarà. Dopodiché noi dobbiamo collegare questo lavoro di riprogettazione del Pd ai bisogni degli italiani. Dobbiamo evitare qualsiasi discussione autoreferenziale che ci chiude nei nostri spazi e non ci apre al Paese. Quando gli imprenditori del Nordest dichiarano in maniera esplicita la loro insofferenza e i rischi che corrono le loro aziende per le scelte del governo, noi abbiamo il dovere di stare lì e di confrontarci con loro, così come abbiamo fatto a Taranto con i lavoratori dell’Ilva».

Ma il Pd basta? Non va superato?

«Le ragioni del Pd sono più attuali che mai, sbaglieremmo a pensare che sia finita questa storia, anzi».

Franceschini dice che lei e Zingaretti dovete stare insieme e non candidarvi l’uno contro l’altro.

«Io adesso faccio il segretario ho una responsabilità e la voglio esercitare fino in fondo dando il massimo. Poi, quando avremo tempi e modalità della scelta del segretario, ciascuno farà le sue valutazioni e ci ragioneremo. La candidatura di Nicola è assolutamente legittima, ne verranno altre e tutte dovranno avere la stessa dignità. Io chiedo semplicemente a tutti quelli che si candideranno di farlo con la capacità di marciare uniti perché la partita che abbiamo avanti è troppo grande».

 

Piazza E. Gianturco, 4  - 85100 Potenza
Telefono 0971/52797 - Fax 0971/56403

www.basilicatapd.it

© 2018 Partito Democratico di Basilicata