Via libera a proposta di legge riordino Stazione Unica Appaltante Regione Basilicata (SUARB), Consiglieri regionali Cifarelli e Pittella (PD): “Trasparenza appannata”

Stampa

Via libera a proposta di legge riordino Stazione Unica Appaltante Regione Basilicata (SUARB), Consiglieri regionali Cifarelli e Pittella (PD): “Trasparenza appannata”.

Di seguito la nota integrale.

“La legge voluta ed approvata oggi dalla maggioranza di centrodestra in consiglio regionale di fatto smantella la Stazione Unica appaltante (S.U.A.R.B.) che viene svuotata della mission per la quale era stata istituita, ossia soggetto aggregatore volto alla trasparenza, all’efficienza e alla velocità negli appalti pubblici.

Si sceglie invece, e non se ne capisce la ragione, di tornare indietro nel tempo, anche contro gli indirizzi del legislatore nazionale, e di dare agli enti sub-regionali la possibilità di fare da sé.

Ci sembra una riorganizzazione non necessaria, anzi che mortifica le ottime performance avute negli anni passati, e che ha tutto il sapore di una trasparenza appannata, di un’etica sbiadita e di una pessima gestione organizzativa con il rischio di dis-economie e farraginosità amministrative, alle quali avevamo messo un argine.

Tant’è.

Tra le tante difficoltà ed inerzie che questo governo produce, l’attenzione si é spostata su una macchina funzionante secondo i principi dell’anticorruzione e della semplificazione amministrativa, uccidendola”.

Lo dichiarano i consiglieri regionali del Pd, Roberto Cifarelli e Marcello Pittella, in riferimento alla legge approvata in Consiglio regionale.