Locantore Scarnato: nota solidarietà a medici di famiglia

Le dichiarazioni dell’Assessore Leone sono gravi per due motivi: sia perchè vengono dalla più alta carica istituzionale in materia di sanità e soprattutto perché vengono da un medico affermato e stimato da tutti.
La situazione che stiamo vivendo in questi giorni nel nostro Paese ed anche in Basilicata, ha un carattere del tutto eccezionale e richiede, se non altro, il buon senso di non scagliarci gli uni contro gli altri.


Scatenando una guerra tra poveri, si inducono i cittadini ancora di più nel panico e nella paura più di quanto già non lo siano.


Vogliamo esprimere, insieme ai segretari di circolo, la nostra più totale vicinanza e solidarietà a tutti i medici di famiglia della nostra regione che quotidianamente, sia nell’ordinarietà che nella straordinarietà degli eventi, svolgono il loro lavoro senza orari e senza sosta.

E soprattutto rivolgiamo- affermano i segretari provinciali Locantore e Scarnato-un pensiero particolare a tutti coloro che combattono contro il Covid-19 nei reparti degli ospedali, dai medici passando per gli infermieri e agli altri operatori sanitari.

Ognuno di loro fa grandi sforzi dando il massimo che può per scongiurare l’aggravarsi giornaliero di un vero e proprio bollettino di guerra.


La politica deve fare la sua parte e deve garantire innanzitutto serenità agli operatori impegnati in prima linea nonchè ai cittadini ed a questo riguardo, l’assessore Leone farebbe bene a preoccuparsi del lavoro, non sempre egregio ed efficiente, che sta assumendo la task force regionale per comunicazione e tempestività nell’informare i sindaci e gli operatori sul territorio dei casi di positività al tampone.


Prima ci mettiamo tutti a fare la nostra parte, prima il Covid-19 verrà relegato alle pagine dei libri di storia dei posteri, gli unici in grado di stabilire chi avrà fatto bene e chi avrà fatto male, in questa battaglia così difficile tanto quanto inaspettata.