Siamo a un passo dalla formazione del governo ma non abbiamo ancora capito se sarà nelle sue intenzioni bloccare le grandi opere. Siccome la futura azione dell'esecutivo scaturirà esclusivamente da ciò che è scritto nel contratto, deduciamo che crescita e sviluppo non saranno nel programma di governo, lo dichiara in una nota stampa il senatore e responsabile trasporti e infrastrutture del Pd Salvatore Margiotta.

Dichiarazione del senatore del Pd Gianni Pittella, capogruppo della Commissione speciale

"M5s e Lega tengono in ostaggio il Paese e paralizzano la politica italiana, prigionieri di veti e controveti". Lo afferma il senatore del Pd Gianni Pittella, capogruppo della Commissione speciale.

"Il Pd dia vita - suggerisce Pittella - ad una grande mobilitazione attraverso i suoi  circoli per  denunciare l'insostenibilità di questa situazione, spiegando alla gente i rischi che il Paese sta correndo a causa dell'irresponsabilità di Di Maio e Salvini".  

"E' grave - sottolinea il parlamentare democratico - continuare a perdere altro tempo per decidere chi dei due sarà il premier. Ci sono scadenze immediate, una agenda economica che chiama tutti alla responsabilità, impegni europei da rispettare, non perché ce lo chiedono i falchi di Bruxelles, ma perché è nell'interesse del Paese".

 
 
 

E’ con grande soddisfazione che comunico la stesura di un Ordine del giorno della componente della Donne dem del Partito democratico, di cui mi onoro di far parte, che presenteremo domani all’Assemblea nazionale del Pd che si svolgerà a Roma. L’ordine del giorno, prendendo atto delle poca rappresentativa delle donne dem sia in Parlamento e sia negli organismi di vertice del Partito democratico, basti pensare alla delegazione che ha incontrato il Presidente della Repubblica nelle consultazioni delle scorse settimane, chiede alla Presidenza del partito di “rispettare pienamente ogni vincolo statutario sulla pari rappresentanza di donne e uomini negli organismi dirigenti del Partito, negli organismi esecutivi, nella selezione delle candidature”.

“Trovo fuori luogo e altamente inopportune le parole dei parlamentari Giuseppe Moles e Michele Casino nei confronti di chi governa la Basilicata. E’ evidente la volontà di strumentalizzare la vicenda dei trialometani nelle acque del Metapontino per mere questioni elettorali. Confondere i piani delle responsabilità istituzionali e innescare dubbi illegittimi nelle popolazioni per evidenti ragioni elettorali è gravissimo. Per mia cultura personale e politica rispetto sempre le idee di ciascuno, ma quando si scade nelle offese e nelle ingiurie e addirittura nelle minacce come ha fatto l’ex sindaco di Policoro - le cui dichiarazioni sono state cavalcate e rilanciate dai parlamentari lucani di Forza Italia – è necessario fare muro contro le derive e contro gli attacchi violenti. Utilizzare un tema come l’acqua pubblica e allarmare irresponsabilmente i cittadini (non risultano rischi per la salute) non è politica ma è altro”.

Vito De Filippo
Deputato Partito Democratico 

Pagina 1 di 12

© 2018 Partito Democratico di Basilicata